Contenuto principale

FAQ

Ricerca

Lista delle domande e risposte frequenti PDF download
  Domande e risposte
180
[Piattaforma telematica]

Come ci si deve comportare se la Stazione appaltante coincide con il centro di costo, ma il Titolare è diverso dal Referente del centro di costo?

Il titolare può, a sua discrezione, individuare chi, all’interno del suo ente, debba svolgere il ruolo di Referente. Quest’ultimo deve ini­ziare le procedure di registrazione della Stazione appaltante mediante compilazione dell’apposito formulario di sistema.
Data: 23.9.2010
179
[Piattaforma telematica]

Cos'è la stazione appaltante?

È l’istituzione intestataria del codice fiscale che può essere articolata in uno o più centri di costo.
Data: 23.9.2010
178
[Piattaforma telematica]

È possibile avere più titolari della stazione appaltante?

 

NO. A livello di sistema è necessario avere un solo Titolare. Il Titolare della stazione appaltante è colui che può decidere quanti centri di costo attivare e nominarne il responsabile.

Data: 23.9.2010
163
[Schede Osservatorio]
Sono previsti degli obblighi informativi aggiuntivi nel caso di estensione contrattuale entro un quinto dell’importo originariamente affidato come pubblicato dall’art. 11 RD 2440/1923 e dal suo regolamento all’art. 120 RD 827/1924?
Non sono previsti degli obblighi aggiuntivi  per quanto riguarda l'acquisizione di un nuovo codice CIG. Va comunque compilata e trasmesssa la scheda "variante".
Data: 27.7.2012
161
[Schede Osservatorio]

Relativamente ad un appalto “manutenzione della scuola elementare” è stata trasmessa la scheda “Inizio contratto” che prevedeva come durata del cantiere 73 gg. L’appalto è però articolato su due fasi di lavoro, perché trattandosi di un edificio scolastico le lavorazioni sono suddivise in due periodi (estate 2011 e estate 2012). In che modo devono essere compilate le schede?

Possono essere individuate 2 soluzioni:

  1. 2 lotti successivi con tempistiche di realizzazione distinti (solo terminato il primo lotto posso partire con il secondo);
  2. Il tempo di quiete viene considerato nel tempo a disposizione per l’esecuzione dei lavori.
Data: 7.6.2012
160
[Schede Osservatorio]
Come viene trattato l’adeguamento dei prezzi? In che modo deve essere inserito nelle schede?

La segnalazione delle variazioni di importi dovuti in seguito all’adeguamento dei prezzi va effettuata solamente al termine dei contratti, valorizzando il campo "importo finale componenti" e "importo complessivo somme a disposizione effettivamente impiegate” (scheda “Collaudi”).


Nel caso in cui l’importo a seguito della variazione sia diminuito viene detratto dal certificato di pagamento. Il campo “Importo del certificato/mandato di pagamento” deve riferirsi all’effettiva erogazione.

Data: 24.11.2017
159
[Schede Osservatorio]
Incarico professionale di progettazione e direzione lavori: In che modo deve essere inserita la sospensione di un incarico fra fine prestazione di progettazione e successivo inizio prestazione direzione lavori?

Se viene affidato un solo incarico va definito un solo termine (stimato) fino alla conclusione dei lavori. Se invece vengono affidati due incarichi distinti, allora ogni incarico avrà la sua tempistica.

Data: 7.6.2012
158
[Schede Osservatorio]
Per le concessioni sono da compilare le schede Osservatorio?
Per i contratti di concessione di lavori valgono gli stessi adempimenti previsti per i Contrattti nei settori ordinari, mentre per forniture e servizi non sono previsti adempimenti inerenti agli obblighi informativi.
Data: 7.6.2012
155
[Programma annuale]

I lavori di manutenzione ordinaria devono essere inseriti nel Programma annuale delle opere pubbliche?

In considerazione degli obblighi a carico delle stazioni appaltanti e degli enti aggiudicatori riguardanti la comunicazione all'Osservatorio contratti pubblici dei dati relativi a:

- tutti i contratti di importo superiore a 150.000 euro in base all’avviso del 30/05/2008 prot. 297293 dell’Osservatorio contratti pubblici;

- ulteriori fattispecie contrattuali previste dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (contratti di lavori, servizi e forniture nei settori ordinari o speciali d’importo inferiore o uguale ai 150.000 euro, contratti "esclusi" di cui agli artt. 19, 20, 21, 22, 23, 24 e 26 di importo superiore ai 150.000 euro, e accordi quadro e fattispecie consimili) in base all’avviso del 28/12/2010 prot. 750776 dell’Osservatorio contratti pubblici

si comunica che dovranno essere inseriti nel programma annuale delle opere pubbliche anche i lavori di manutenzione ordinaria per i quali sussiste l’obbligo di trasmissione dei dati ai sensi dei punti precedenti.

Data: 5.12.2011
150
[Schede Osservatorio]
Quali sono le corrette modalità di comunicazione dei dati relativi agli stati d’avanzamento nel caso di contratti di servizi o di forniture nei settori ordinari di importo uguale o superiore a 500.000 euro?

Il dato relativo all’avanzamento del contratto ed alla progressione dei pagamenti va comunicato con riferimento al cumulo dei pagamenti stessi, effettuati nei confronti dell’appaltatore nel quadrimestre di riferimento (nel caso di appalti di durata inferiore o uguale all’anno) o nel semestre di riferimento (nel caso di appalti pluriennali), valorizzando il campo “Importo stato d’avanzamento” ed indicando nel campo “Data stato d’avanzamento” la data di conclusione del periodo temporale cui ci si riferisce; l’inizio del primo periodo temporale di riferimento va fatto coincidere con la data d’inizio dell’esecuzione, comunicata con la scheda “Inizio contratto”.

Data: 31.8.2011