Comunicati dell'Ufficio stampa

Musei, il riordino mette la ricerca al centro

Rafforzare la ricerca scientifica e sostenere lo sviluppo dei musei. Sono questi gli obiettivi strategici della riorganizzazione della Ripartizione Musei e dell’Azienda Musei provinciali.

Come nel caso di Ötzi, la ricerca scientifica verrà messa al centro dell'attività dei musei in Alto Adige (Foto: Museo Archeologico/Samaldelli /Staschitz)

La Giunta provinciale ha approvato oggi (30 dicembre) la nascita della nuova Ripartizione innovazione, ricerca, università e musei. L’operazione riunisce così sotto la stessa dirigenza due settori - innovazione e ricerca da un lato e musei dall’altro - che in futuro saranno chiamati sempre più a collaborare e a operare in modo sinergico fra loro. "L’obiettivo - spiega il presidente Arno Kompatscher - è quello di fornire nuovi impulsi per il futuro e di focalizzare maggiormente sulla ricerca scientifica questo ambito così importante per l’Alto Adige. Vogliamo contribuire alla conservazione duratura di un bene culturale prezioso: i musei devono restare in luoghi di mediazione orientati al futuro nonché punti d’incontro per i giovani e per l’intera società. Ecco perchè è stata pensata questa riorganizzazione".

In Alto Adige 140 musei

I musei dell’Alto Adige sono circa 140: alle 105 realtà museali vere e proprie si aggiungono collezioni private e altri luoghi espositivi. Di questi, 10 sono musei provinciali gestiti direttamente dall’Azienda Musei provinciali, che continuerà a esistere e diventerà autonoma rispetto alla struttura provinciale strettamente intesa (Uffici e Ripartizioni). La Giunta ha infatti stabilito il riordino dell’attuale Ripartizione musei e Azienda musei provinciali, che da gennaio 2020 rientrerà all’interno della Ripartizione innovazione, ricerca e università. Il nuovo Ufficio musei e ricerca museale entrerà nel pieno delle sue funzioni dal 1° gennaio e sarà responsabile fra l’altro del finanziamento dei 140 musei pubblici e privati della provincia, dell’organizzazione di eventi e collaborazioni fra musei e collezioni diverse, di promuovere la collaborazione con l’Associazione musei altoatesini e l’istituzione e la gestione di un Centro servizi museali come punto di riferimento per contenuti intermuseali. Kompatscher aggiunge che "la ricerca diventerà centrale anche nell’attività espositiva e museale, porterà maggiore ordine e trasparenza e renderà possibile una più alta professionalizzazione del personale nonchè un maggiore allineamento agli standard internazionali. Con questa misura rafforziamo ulteriormente i musei in Alto Adige per renderli sempre più il migliore biglietto da visita della nostra provincia".

ASP/sf

Galleria fotografica