Comunicati dell'Ufficio stampa

2 nuovi casi di positività nelle scuole: 1 a Salorno e 1 a Egna

2 nuovi casi di positività al Coronavirus nelle scuole di lingua tedesca: 1 riguarda un alunno della primaria di Salorno e 1 della scuola per l’infanzia di Egna.

Questa mattina (23 settembre) è stato rilevato 1 caso di positività al Coronavirus presso una sezione della Scuola per l’infanzia di lingua tedesca a Egna. Lo comunica Direzione scolastica in lingua tedesca. 23 bambini e il personale pedagogico assegnato al gruppo si trovano già in quarantena domiciliare. I bambini dei rimanenti 4 gruppi della scuola per l’infanzia continuano a frequentare normalmente l’asilo.

Ieri (22 settembre), in tarda serata, la Direzione scolastica in lingua tedesca ha confermato la presenza di un alunno della Scuola elementare in lingua tedesca di Salorno risultato positivo al Coronavirus. Altri sei bambini, entrati in contatto con l’alunno, sono già stati sottoposti a regime di quarantena. Nessuno degli insegnanti, invece, risulta interessato dalle misure di quarantena. La Direzione scolastica in lingua tedesca informa che l’aula scolastica dell’edificio frequentata dall’alunno risultato positivo resterà chiusa per tutta la giornata odierna per permettere lo svolgimento delle operazioni di disinfezione e sanificazione, come previsto dal protocollo di sicurezza e ulteriori e possibili misure, se necessarie, saranno intraprese in accordo tra il locale servizio di igiene e la scuola.

Ulteriori misure riferite alla disinfezione e ai protocolli di sicurezza, nonché alle procedure da implementare presso la Scuola per l’infanzia di Egna e presso la Scuola elementare di Salorno saranno decise dal Servizio igiene e salute pubblica dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige.


Si chiede gentilmente ai media di rispettare la tranquillità dei bambini e degli insegnanti della scuola. La direttrice della formazione in lingua tedesca Sigrun Falkensteiner è a disposizione per tutte le informazioni sul tema e fornire interviste in materia. Chiediamo inoltre di rispettare i principi di cautela e continenza nella comunicazione per evitare allarmismi e garantire sobrietà e rispetto della verità dei fatti nella ricostruzione della vicenda.

ASP/eb/tl