Contenuto principale

Terza prova: nota del MIUR

La terza prova scritta dell'esame di Stato, secondo un comunicato del Ministero, non sarà obbigatoriamente costituita da cinque materie, bensì "al massimo di cinque". maggiori informazioni

Materie d’esame

La commissione di esame di Stato - presieduta da un Presidente esterno - è composta da non più di sei commissari, tre interni scelti tra i docenti della classe, e tre esterni, nominati dal Sovrintendente Scolastico. 

Le materie affidate ai commissari esterni vengono scelte annualmente dal Ministero della  Pubblica Istruzione con proprio decreto entro il 31 gennaio.

Quando la prima prova scritta è affidata ad un commissario esterno, la materia oggetto della seconda prova scritta è affidata ad un commissario interno e viceversa. La terza prova scritta è predisposta invece dalla commissione; la prova scritta di tedesco L2 è predisposta dal commissario di L2 e approvata dalla commissione.

La prima prova scritta è intesa ad accertare la padronanza della lingua italiana. Il candidato può scegliere tra quattro proposte: l’analisi del testo, il saggio breve o articolo di giornale, il tema di argomento storico, il tema di cultura generale.

La seconda prova scritta ha sempre per oggetto una delle materie che caratterizzano il corso di studio.

La terza prova scritta è invece correlata al piano dell’offerta formativa di ciascuna scuola e scaturisce dalla presentazione fatta nel "documento del 15 maggio", che presenta l’attività ed i programmi svolti in previsione dell’esame.

Il colloquio è strutturato in tre parti:

  • un monologo, in cui il candidato può presentare un suo studio (=tesina);
  • un dialogo, in cui i commissari verificano la conoscenza degli elementi fondamentali delle discipline dell’ultimo anno;
  • la discussione degli elaborati relativi alle quattro prove scritte.

Le materie d'esame per l'a.s. 2016/2017 sono consultabili nel PDF allegato.