Attualità

Protezione civile: sopralluogo di Schuler a Castelrotto

L’assessore Schuler ha preso parte oggi alla riunione di follow-up sugli ultimi eventi temporaleschi nell'area dello Sciliar, che hanno colpito in particolare le frazioni di Tesimo e Siusi.

Alcune aree del Comune di Castelrotto sono state recentemente colpite da forti temporali. Oggi (3 agosto), l’assessore alla protezione civile, Arnold Schuler, ha preso parte ad un incontro con il sindaco del Comune di Castelrotto, Andreas Colli, i funzionari comunali preposti, i rappresentanti degli uffici provinciali competenti ed i cittadini delle zone colpite dal maltempo per analizzare le possibili cause, le misure di sostegno da adottare e le misure di prevenzione da adottare per il futuro.

L'assessore Schuler ha illustrato il supporto messo in campo dall'Amministrazione provinciale "Abbiamo fornito i primi soccorsi necessari subito dopo l’evento ed ora si stanno esaminando i requisiti necessari per la definizione dell’area colpita dal maltempo". La rilevazione dei danni subiti viene effettuata in collaborazione con il Comune e gli Uffici provinciali competenti. Dato che temporali di questa portata, secondo l’assessore, si verificano statisticamente ogni 300 anni è molto difficile fare delle previsioni e sono quindi necessarie misure di sostegno straordinarie per la popolazione colpita.

Il Comune di Castelrotto è stato colpito da temporali con forti piogge nelle prime ore del mattino del 18 giugno che hanno causato danni alle strade ed alle aree agricole della frazione di Tesimo. Poche settimane dopo, il 22 luglio, a causa delle precipitazioni estremamente elevate, si è sviluppata una colata detritica nel rio Frötsch che scende dall'Alpe di Siusi. Questa ha causato gravi danni alla fazione di Siusi, soprattutto nella zona artigianale. I Bacini montani hanno avviato immediatamente lavori di sgombero e di ripristino della normalità. Insieme alle aziende private, ai Vigili del fuoco ed ai volontari i lavori sono progrediti rapidamente.
Ciononostante I danni alle infrastrutture, agli edifici ed ai macchinari sono notevoli, la loro entità è ancora in fase di definizione e si valutano le possibili misure di sostegno.


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

mac/fg