Comunicati dell'Ufficio stampa

La bolzanina Silvia Pomella neo-Alfiere della Repubblica

La studentessa sarà premiata a Roma dal Presidente della Repubblica Mattarella per l'impegno nel volontariato e per avere combattuto con successo la depressione. I complimenti di Vettorato e Gullotta.

Prestigioso riconoscimento per la studentessa bolzanina Silvia Pomella, che pochi giorni fa ha ricevuto dal Quirinale la nomina di Alfiere della Repubblica, l’attestato d’onore conferito a trenta giovani che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scelto per le loro virtù civiche espresse durante questo lungo e difficile periodo di pandemia. Pomella, che sarà a premiata a Roma il 14 dicembre, frequenta il Liceo Pascoli a Bolzano e oltre allo studio è impegnata su molti altri fronti. È presidentessa della Consulta provinciale degli studenti e membro della cabina di regia "Ambiente, Cittadinanza e Responsabilità" della Direzione Istruzione e Formazione italiana. Nel tempo libero Silvia opera come volontaria in diverse associazioni del territorio e nei prossimi giorni parteciperà anche alla tavola rotonda organizzata in occasione del convegno internazionale "Educazione Territori Natura", in cui dialogherà con il Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi e il Sovrintendente Vincenzo Gullotta. È difficile spiegare l’emozione che sto provando in questi giorni – sottolinea la studentessa bolzanina - mai avrei pensato di ricevere questa onorificenza: mi sento onorata e felice. La mia guarigione, però, non è solo merito mio e a tal proposito vorrei ringraziare coloro che mi sono stati vicino nei mesi più bui: dalla mia famiglia agli amici a tutti i miei insegnanti del liceo Pascoli che mi sono sempre venuti incontro, supportandomi e aiutandomi a superare quei mesi. Grazie di cuore”.

I complimenti di Vettorato e Gullotta

Parole di apprezzamento per Silvia Pomella giungono dall'Assessore alla scuola italiana, Giuliano Vettorato, che sottolinea come "la testimonianza, il coraggio e la forza di Silvia possono essere un esempio per giovani e meno giovani che affrontano ogni giorno difficoltà di carattere psicologico". "Silvia è davvero un vulcano, una di quelle persone che trasmettono energia e positività solo standole vicino" - sottolinea il Sovrintendente Vincenzo Gullotta - la sua voglia di aiutare e la sua sincerità nel parlare di temi delicati, che possono anche essere dolorosi, non lasciano indifferenti, anzi. Per questo motivo sono felice che il Presidente Mattarella l'abbia scelta tra gli Alfieri della Repubblica". 

Le motivazioni della nomina

Queste le motivazioni del Capo dello Stato Sergio Mattarella. "Per aver affrontato la difficoltà psicologica con tanta voglia di superarla, per averne parlato apertamente con amici e compagni di classe, per aver trasferito la sua carica di energia in azioni di cittadinanza attiva sui temi dell’ambiente e dei diritti delle persone. Silvia ha dovuto affrontare un periodo di fragilità psicologica. Ha combattuto la depressione con tenacia e ha reso pubblica la sua battaglia. Si è spesa sui temi legati alla salute mentale senza complessi, convinta che condividere le esperienze di sofferenza possa aiutare tutti coloro che vivono quelle situazioni. Silvia usa molto i social, e anche grazie ad essi è diventata un esempio tra i coetanei. In tanti apprezzano la sua grinta, la sua capacità di interagire, di coinvolgere le persone, di difendere i valori e le idee in cui crede. Silvia è molto impegnata sui temi ambientali, nel contrasto alle discriminazioni razziali e sessiste, nella difesa dei diritti umani. È anche rappresentante degli studenti nel Consiglio di istituto e nella Consulta provinciale degli studenti e delle studentesse".


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

ASP/tl