Comitato provinciale per la Cultura edilizia ed il paesaggio - Consulenza

Obbiettivi

Il Comitato per la Cultura edilizia ed il paesaggio offre alle amministrazioni pubbliche e a committenti privati un sostegno tecnico nella valutazione di progetti edilizi con impatto paesaggistico e nella pianificazione territoriale. Il suo obiettivo istituzionale è quello di valorizzare il paesaggio e di sensibilizzare l’opinione pubblica a costruire in modo adeguato al luogo e al contesto paesaggistico.

Il Comitato è stato istituito dall'articolo 6 della Legge Provinciale n. 9 del 10 luglio 2018 "Territorio e paesaggio".

Compiti

  • Il Comitato ha fondamentalmente una funzione consultiva ed è concepito come un servizio dell'amministrazione provinciale per il committente privato e pubblico e per le autorità comunali e provinciali. Il Comitato per la cultura edilizia e il paesaggio è un organo specialistico di alto livello, costituito da tre esperti di fama internazionale provenienti da Svizzera, Austria e Italia. Le consulenze si svolgono in forma di sopralluoghi sul posto e di successive consulenze nella sede istituzionale. I pareri rilasciati devono essere intesi quali suggerimenti per un successivo sviluppo del progetto. La richiesta di consulenza è gratuita.
  • Per l’individuazione di zone turistiche al di fuori dell’area insediabile o con una densità edilizia superiore a 3m³/m², il Comune è obbligato, ai sensi dell'art. 34, comma 5 della legge provinciale n. 9/2018 “Territorio e paesaggio”, ad acquisire presso il Comitato provinciale per la cultura edilizia ed il paesaggio un parere vincolante sulla distribuzione dei volumi edilizi.

Organizzazione e consulenza

È consigliabile richiedere la consulenza nella fase preliminare del progetto. In questo modo potranno essere date indicazioni per tempo riguardo all’approccio concettuale del progetto e al suo inserimento nel tessuto urbano e nel contesto paesaggistico in modo da influenzare lo sviluppo del progetto con minori costi per la committenza.

I compiti del Comitato possono essere così sintetizzati:

  • Valutazione di progetti pubblici e privati
  • Scambio di opinioni sul progetto con una ricerca di soluzioni comuni
  • Valutazione degli spazi aperti e inserimento nel paesaggio, connessione tra spazi pubblici e privati
  • Proposta di soluzioni alternative per migliorare la qualità architettonica
  • Rilascio di un parere vincolante ai sensi dell'art. 34, comma 5 della legge provinciale n. 9/2018 “Territorio e paesaggio”

Il Comitato per la cultura edilizia ed il paesaggio si riunisce solitamente ogni due mesi. La prima consulenza è un sopralluogo in presenza del committente, del progettista, del Comune e degli Uffici competenti. Il direttore dell'Ufficio pianificazione comunale e/o un/a collaboratore/collaboratrice sono presenti per fornire informazioni sulle norme edilizie e sul contesto paesaggistico. Al termine il Comitato entro 30 giorni rilascia un parere. Il parere ai sensi dell'art. 34, comma 5, della legge provinciale n. 9/2018 è vincolante.

La richiesta di consulenza va inoltrata all'Ufficio Pianificazione comunale all’indirizzo: pianificazionecomunale@provincia.bz.it

Scarica la documentazione richiesta.

Referente: Martina Pecher, tel. 0471 417847 / 0471 419832 - tutti i giorni dalle 9:00 alle 11:00.

Incontri programmati 2022

Il Comitato è disponibile su richiesta di committenti privati e alle amministrazioni pubbliche nei seguenti giorni:

  • 10, 11 febbraio e 18 febbraio (videoconferenza)
  • 07, 08 aprile e 14 aprile (videoconferenza)
  • Eventuali date alternative: 09 – 10 giugno e 13 giugno (videoconferenza)
  • 23, 24 giugno e 22 giugno (videoconferenza)
  • 08, 09 settembre e 16 settembre (videoconferenza)
  • 27, 28 ottobre e 26 ottobre (videoconferenza)
  • 24, 25 novembre e 28 novembre (videoconferenza)

Informazioni generali: Il Comitato non può effettuare consulenze durante il periodo di decorrenza dei termini da parte delle autorità competenti (p.e. Commissione Comunale Territorio e Paesaggio, Soprintendenza provinciale ai Beni Culturali e Tutela del Paesaggio). Inoltre, non può essere fatta richiesta di consulenza nel periodo di decorrenza di procedimenti di ricorso.

Le competenze e i ruoli degli organi decisionali e di valutazione e le relative procedure autorizzative non vengono modificate e conservano il loro effetto.

Criteri di valutazione del Comitato per la cultura edilizia ed il paesaggio

Ogni progetto ha le sue specifiche esigenze e ogni luogo ha le sue caratteristiche particolari. Pertanto, ogni progetto edilizio è  analizzato e valutato singolarmente dal Comitato. Nella valutazione dei progetti esistono tuttavia alcuni aspetti ricorrenti di particolare importanza:

  • Sviluppo degli insediamenti e prevenzione della diffusione urbana: Per evitare un'ulteriore diffusione urbana nel paesaggio si dovrà tentare di aumentare la densità edilizia delle aree già edificate.
  • Inserimento nel contesto paesaggistico e in quello edificato: Una buona progettazione, attenta alle caratteristiche del luogo, si contraddistingue per le controllate modifiche della morfologia del suolo e per un utilizzo contenuto di muri di sostegno e dei riporti di terra.
  • Proporzioni, volumi e giusta scala degli edifici: La dimensione degli edifici dovrà essere conformata alla grandezza della particella fondiaria e agli edifici confinanti.
  • Allacciamento stradale dei lotti: L'allacciamento del lotto alla strada dovrà avvenire utilizzando meno superficie possibile.
  • Creazione di spazi di relazione esterni: La progettazione e la qualità degli spazi esterni tra gli edifici richiedono un’attenzione particolare.
  • Scelta dei materiali: Materiali possibilmente locali, potranno subire un’interpretazione contemporanea adatta al progetto e al paesaggio.
  • Scelta delle forme: Forme chiare e semplici riferite alla tradizione costruttiva locale sono da preferire ad elementi stilistici spettacolari ed estranei alla cultura del luogo.