Riforma urbanistica, Theiner incontra ambientalisti e categorie economiche

Nuovo passo in avanti per il via libera alle linee guida della nuova legge provinciale sull'urbanistica attese nel mese di luglio. Ieri pomeriggio (25 giugno) l'assessore Richard Theiner ha incontrato i rappresentanti delle associazioni ambientaliste e del mondo economico. Obiettivo: testo semplificato in grado di far convivere sviluppo del territorio e tutela del paesaggio.

"L'unica strada è la pianificazione". L'assessore Richard Theiner e il direttore dell'Ufficio Urbanistica Sud-Ovest, Frank Weber

Dopo il primo giro di consultazioni con gruppi di interesse, comuni e parti sociali, e dopo la possibilità aperta a tutti di avanzare idee, critiche e proposte online, la discussione sulle linee guida (rielaborate) della futura legge provinciale sull'urbanistica è entrata nella seconda fase. Ieri pomeriggio (25 giugno), infatti, l'assessore Richard Theiner ha incontrato i rappresentanti di associazioni e movimenti ambientalisti e le categorie professionali ed economiche, proseguendo lungo la strada intrapresa già dall'autunno scorsa. "Crediamo molto nella partecipazione e nel coinvolgimento - ha sottolineato Theiner - e la stessa proposta relativa alle linee guida che verrà portata a luglio in Giunta provinciale esce rafforzata da questi incontri nei quali si discute in maniera costruttiva". 

Tra le esigenze emerse nel corso di questi mesi, Theiner cita "la volontà comune di dare vita ad una legge in grado di regolamentare la materia in maniera più coordinata, con un testo più semplice e comprensibile, e capace di far convivere sviluppo del territorio e tutela del paesaggio". Entrando maggiormente nei dettagli del provvedimento, l'assessore ha sottolineato che "i comuni avranno maggiori margini di manovra, ma in un'ottica che mira a contenere l'espansione urbana. Verrà inoltre dato grande sostegno alla collaborazione tra le varie amministrazioni municipali". Durante l'incontro si è poi discusso di commissioni urbanistiche, possibilità di espansione in zone turistiche e produttive, severe limitazioni alle costruzioni nel verde agricolo e utilizzo misto delle aree residenziali.

"Il nostro territorio è il nostro più grande capitale - ha aggiunto Richard Theiner - e in Alto Adige circa un terzo della superficie edificabile risulta costruito. Dobbiamo fare tutto quanto è nelle nostre possibilità per mantenere integri i restanti due terzi e per gestire nella maniera più efficiente le espansioni future, e questo traguardo è raggiungibile solo tramite la pianificazione". Di proposte e idee avanzate ieri dai partecipanti all'incontro verrà tenuto conto nell'elaborazione del testo finale relativo alle linee guida che verrà sottoposto all'attenzione del Consiglio dei Comuni e, quindi, passerà in Giunta provinciale nel mese di luglio per l'ok definitivo. "Questi criteri - ha concluso Theiner - saranno i pilastri su cui costruire la riforma dell'urbanistica che si concluderà nell'autunno 2016".

mb

Galleria fotografica